weAR: una nuova generazione di manuali sempre a portata di mano

Pubblicato il mercoledì, 8 gennaio 2020

“Gli innovatori creano nuovi modi per fare le cose: ci aprono nuovi mondi e nuovi mercati, come gli esploratori del XV secolo”

– Emanuele Borasio, Amministratore delegato e fondatore di weAR Srl

Borasio cita uno studio di Technavio “che ha messo in evidenza che il mercato dei servizi indiretti (o MRO, Maintenance, Repair and Operation) avrà nel 2020 un valore di 774 miliardi di dollari”. Borasio ha intuito l’opportunità da cogliere e ha puntato proprio su questo mercato come principale cliente per weAR. “Uno degli impieghi primari della nostra tecnologia è collegato alle attività di manutenzione, con lo scopo di mantenere (o riportare) un oggetto in uno stato idoneo a svolgere la funzione che gli è richiesta”. Una migliore comprensione di come usare e riparare gli strumenti allunga il loro ciclo di vita, un fattore importante nella sfida verso un futuro più sostenibile e con meno sprechi.

Per aumentare la produttività, ridurre gli errori e ottimizzare la formazione del personale, weAR ha creato MARKO, una piattaforma in cloud orientata ai processi e completamente senza codice che si serve della realtà aumentata per fornire un’assistenza visuale nelle attività di manutenzione. Secondo Borasio “la piattaforma MARKO è stata adottata da molti operatori internazionali nel settore energetico e manutentivo con enormi vantaggi in termini di tempo e precisione dei lavori e semplicità e immediatezza d’uso rispetto alle tradizionali istruzioni su carta o su schermo”. MARKO lavora in sinergia con la app di esperienza AR/MR, che connette gli utenti in mondi fisici e digitali e accorcia la curva di apprendimento relativa all’uso di alcuni strumenti.

“L’innovazione deve essere concordata e pianificata in tutte le organizzazioni e tutti devono essere allineati a riguardo, altrimenti si rischia di perdere di vista l’obiettivo principale e i risultati che si vogliono ottenere ”

– Emanuele Borasio, Amministratore delegato e fondatore di weAR Srl

Accanto a Enel, il futuro di weAR è luminoso

Noi di Enel abbiamo la possibilità di collaborare con weAR dal 2015, anno in cui l’azienda ha lanciato la piattaforma MARKO. Li abbiamo visti crescere da vicino e migliorare il prodotto, rendendolo più facile da usare, anche grazie al lavoro di personale qualificato che lo testa in circostanze reali in Italia. Nel corso degli anni weAR ha sempre avuto come principio guida la risoluzione delle sfide nel mondo dell’industria. Borasio ha anche aggiunto: “Grazie a Enel, che negli ultimi anni è diventata un grande Gruppo internazionale, abbiamo avuto la possibilità di proporre il nostro software in altri Paesi europei e in Sud America”.

Con i successivi sviluppi della tecnologia relativa alla realtà aumentata, weAR si è assicurata di rimanere al passo con le attuali esigenze del mercato e dei clienti. Spiega Borasio: “I nostri clienti vogliono un ‘gemello digitale’ dei loro prodotti sul quale possano sovrapporre vari livelli di contenuto (provenienti da varie fonti di informazioni, come i sistemi IoT e EPR). Vogliono che sviluppiamo attività di manutenzione predittive, e questo ha spinto la nostra squadra a cercare nuove soluzioni per migliorare la user experience della piattaforma e aumentarne le potenzialità”. Questo è il motivo per cui weAR è impegnata a sviluppare un nuovo software che permetta di passare dalla realtà aumentata alla realtà mista, sovrapponendo i gemelli digitali dei clienti direttamente sui prodotti reali e sostanzialmente fornendo un valore aggiunto all’esperienza d’uso.

Insieme a noi di Enel, weAR partecipa al Consumer Electronics Show 2020, dove può interagire con altri attori del settore industriale e individuare nuove tecnologie da includere nel software. weAR è un’azienda che sta lasciando il segno nell’ecosistema dell’innovazione trasformando i processi tradizionali, e noi siamo entusiasti che lo faccia collaborando con Enel, sempre con l’obiettivo di un futuro più sostenibile.

Open Innovability

Prendi parte al cambiamento