Athonet connette il mondo del futuro con la sua rete 4G/5G

Pubblicato il martedì, 19 febbraio 2019

“Un innovatore è qualcuno che interroga le soluzioni di oggi e lavora per trovarne una migliore”

– Karim El Malki, CEO e co-fondatore di Athonet

Reti mobili che collegano il mondo

A causa dei terremoti nel nord Italia del 2012, le reti fisse e mobili sono state gravemente sovraccaricate o danneggiate. Fortunatamente, Athonet è stata in grado di intervenire e offrire i propri servizi durante questo periodo.

“La Protezione civile italiana aveva installato la nostra rete, utilizzandola per la videosorveglianza fissa in tempo reale, video mobili indossabili e comunicazioni vocali da e verso il personale di emergenza sul campo, oltre a fornire l'accesso WiFi gratuito per i cittadini”.

“Oggi, le soluzioni di rete di Athonet sono distribuite in tutto il mondo, tra cui il Nord America, l'Europa e alcuni paesi in LatAm, Africa e Asia-Pacifico", prosegue El Malki.

Athonet fornisce servizi a governi, operatori mobili e diverse imprese, come utility, Industria 4.0, della logistica, ospedali e aeroporti. "Offriamo ai nostri clienti reti 4G/5G private che rispondono a specifiche esigenze organizzative", spiega l'amministratore delegato.

Oltre ai vantaggi immediati per i fornitori di servizi e gli utenti, la piattaforma offre anche soluzioni molto efficienti in grado di superare il digital divide e collegare i 4 miliardi di persone che attualmente non hanno accesso a Internet.

La filosofia guida della società secondo cui “l'innovazione è la base di ogni azienda dirompente” sta chiaramente dando i suoi frutti. Quest’anno ai Global Mobile Awards (GLOMO Awards) di Barcellona l’Athonet BubbleCloud ha vinto il premio come “migliore innovazione mobile per le imprese”. Un riconoscimento prestigioso ricevuto al più importante appuntamento mondiale sulla telefonia.

Mentre Athonet continua a guardare al futuro, l'attenzione si concentra sull'espansione dell'attività a livello internazionale; i primi passi sono già stati fatti con l'apertura di un ufficio negli Stati Uniti, mentre ci sono piani per “aprirne uno molto presto in Francia dopo aver vinto un’importante gara governativa per la Pubblica Sicurezza LTE”.

Nel futuro con Enel

La relazione tra Athonet ed Enel è iniziata alcuni anni fa. “La nostra partnership è cominciata nel 2011 quando la nostra tecnologia è stata utilizzata da Enel per un innovativo sviluppo della rete Smartgrid in Italia. Un anno dopo siamo stati selezionati per il programma Enel Lab”, spiega El Malki. 

Per El Malki, la posizione di Enel è unica perché offre un enorme potenziale di mercato per le società in fase di startup ed è disposta a correre rischi per testare tecnologie nuove e disruptive. “Ciò di cui un'azienda ha bisogno nella sua fase iniziale è capire le esigenze dei clienti e potervi avere accesso. Enel non solo fornisce il mercato dei servizi ma va anche oltre con Enel X”, aggiunge. In Enel, abbiamo scelto la loro tecnologia per costruire una rete virtuale mobile pionieristica.

El Malki sottolinea che "il traffico mobile è aumentato drasticamente negli ultimi 10 anni, poiché siamo diventati dipendenti dai dispositivi mobili per la connettività Internet e la comunicazione in generale". Se guardiamo al futuro, "la tecnologia di rete mobile diventerà ancora più flessibile, consentendo l'utilizzo di nuovi servizi per nuovi clienti come industrie connesse, edifici collegati, realtà aumentata e robot".

Open Innovability

Prendi parte al cambiamento