Enel e le startup brillano al SIOS 2019

Pubblicato il giovedì, 2 gennaio 2020

Il futuro sarà scritto con strumenti che stiamo creando adesso. Gli ingredienti fondamentali sono Open Innovation, sostenibilità e tecnologia. L’Italia, dove Enel ha la propria sede, è uno dei paesi europei con la maggiore concentrazione di startup innovative.

Il 16 dicembre 2019 Milano ha ospitato lo StartupItalia Open Summit (SIOS), la piattaforma italiana più prestigiosa in cui le startup, gli investitori e le aziende possono creare, scoprire e lanciare nuovi progetti. Lo scopo dell’evento, a cui hanno partecipato 200 ospiti italiani e internazionali oltre a 1000 nuove società, era quello di approfondire il ruolo della tecnologia, del design e dell’innovazione per il futuro della creatività, della cultura e del business.

Ernesto Ciorra, Chief Innovability Officer di Enel, ha partecipato alla giornata di eventi, prendendo parte alla sessione “Leading the Energy Revolution” e presentando alcune delle startup che sono cresciute insieme al Gruppo Enel, come Nozomi Networks, Peekaboo Startup Community, iGenius e Pedius. Ciorra ha dichiarato: “È stato un piacere condividere il palco con loro e con il fondo Planven Entrepreneur Ventures, che investe nelle startup italiane e le aiuta a crescere”. Enel le sostiene “in quanto cliente, co-innovatore e partner industriale”.

Insieme per il futuro!

Con questo slogan il SIOS 2019 si è proposto di ispirare i partecipanti a lavorare insieme con creatività e innovazione per un futuro migliore. In Enel lo facciamo da anni, e sono tante infatti le startup che hanno preso parte alle nostre iniziative di Open Innovation. “Aiutiamo le startup italiane ad avere successo nei mercati in cui operiamo. Diventiamo loro clienti”, ha evidenziato Ciorra. E i numeri lo confermano: “Abbiamo già destinato più di 20 milioni di euro alle startup italiane; diciassette hanno avuto successo a livello internazionale grazie a noi, mentre sette valgono ora più di 100 milioni”.

Molte delle idee presentate avranno un grande impatto pratico. Un esempio efficace è rappresentato da Pedius, un’app che semplifica le conversazioni telefoniche per le persone sorde. Fabio Bosatelli, RoBoost Leader di Enel Green Power, ha spiegato come questo progetto ha cambiato la sua vita professionale: “Per me, persona sorda dalla nascita, Pedius è uno strumento tecnologico che ha avuto un impatto enorme, poiché mi permette di partecipare a conferenze e telefonate. Sono completamente integrato nell’organizzazione, con tutti gli stakeholders”.

iGenius era una delle altre startup presenti al SIOS. Il suo obiettivo è quello di creare prodotti basati sull’intelligenza artificiale capaci di ridefinire il modo di fare business. La sua missione “è guidare il percorso dell’innovazione aperto dall’intelligenza artificiale nel campo della business intelligence e dei processi decisionali”, ha spiegato Uljan Sharka, amministratore delegato e fondatore della società. Con questo scopo, lui e i suoi collaboratori hanno creato Crystal, il primo consulente di data intelligence virtuale che “adotta un approccio data-driven ai processi decisionali di ogni grado, per migliorare il business di un’azienda”.

Peekaboo Startup Community invece è una delle principali community italiane di innovazione aperta, dove le startup ricevono supporto per lo sviluppo delle proprie idee. “Aiutiamo i migliori talenti del mondo digitale a trasformare le proprie idee in startup affermate sul mercato grazie a un programma di pre-accelerazione della durata di tre mesi. Parliamo del Lean Startup Program, attualmente attivo a Roma e Milano”, ha spiegato Paolo Napolitano, amministratore delegato della società.

Dal 2017 molte grandi aziende dei settori energetico e farmaceutico hanno scelto Peekaboo per avere accesso all’ecosistema delle startup, scoprire talenti e tecnologie e trovare soluzioni alle sfide aziendali proprio con il loro aiuto. “Lavoriamo con multinazionali importanti come Enel, Unilever, Allergan e Nestlé su progetti di Open Innovation mirati all’innovazione dei processi interni e all’introduzione di nuovi modelli di business sul mercato”, ha aggiunto Napolitano.

L’interesse di Enel per l’Open Innovation e la sostenibilità sta dando i suoi frutti, come ha sottolineato Fabio Bosatelli: “Si tratta di vera Innovability. Enel svolge un ruolo cruciale con il suo ecosistema e la sua missione, entrambi fortemente dedicati alla sostenibilità”. La nostra presenza al SIOS 2019 è testimonianza del nostro impegno.

Open Innovability

Prendi parte al cambiamento