A Work Wide Women il Women in Tech award

Pubblicato il venerdì, 19 aprile 2019

Gli innovatori sono persone alla continua ricerca di nuove idee e soluzioni per affrontare le grandi sfide dell’umanità, indipendentemente dal contesto in cui vivono. Persone guidate dalla passione che quando ricevono un riconoscimento questo le incoraggia ad alzare ancora di più il livello.

Questo è il momento che sta vivendo Linda Serra, vincitrice dell’Enel's Women in Tech, una sfida lanciata da Enel Open Innovability con l'obiettivo di individuare e promuovere le migliori startup e PMI create e/o gestite da donne. Serra è l'amministratore delegato e co-fondatrice di Work Wide Women, la prima piattaforma di social learning che aiuta le donne ad acquisire le competenze digitali necessarie per crescere nelle professioni legate a Internet e alle nuove tecnologie.

L’imprenditrice italiana si è occupata di diversità di genere per oltre 10 anni. "In Italia abbiamo il 52% di disoccupazione femminile. E questo è un problema mondiale. Allo stesso tempo, il mercato del lavoro e le imprese del settore ad alta tecnologia cercano risorse con competenze digitali e hanno difficoltà a trovare persone per le nuove professioni che nascono dalla continua innovazione. Inoltre, l'80% dei professionisti in ambito tecnologico è maschio", spiega Serra.

Come affrontare questa situazione? Dando alle donne la possibilità di acquisire le competenze tecnologiche necessarie a rispondere all’attuale domanda del mercato. È questo l’obiettivo di Work Wide Women. "L’azienda è stata fondata nel 2014, abbiamo dato vita a una comunità in cui le donne possono trovare una formazione di alto livello e digitale a un prezzo molto basso, cosa essenziale al giorno d'oggi per trovare un lavoro redditizio. Inoltre ci occupiamo anche di fare networking tra donne e aziende per creare opportunità reciproche di inclusione, occupazione e crescita", conclude Serra.

Con oltre 5.000 donne registrate e una app mobile completa e funzionale, la mission di Work Wide Women è solo all'inizio. Serra, che ha trascorso un mese e mezzo negli Stati Uniti con il programma Women in Technology per capire insieme ad altre donne come rafforzare le competenze delle lavoratrici, è fermamente convinta della necessità di continuare a lavorare per raggiungere gli obiettivi del suo progetto: "Senza uguaglianza e parità non c'è innovazione e non c'è futuro. La prospettiva femminile deve essere presente nei posti di lavoro del futuro".

L'imprenditrice ha ricevuto un premio di 20.000 dollari, in occasione di una cerimonia speciale svoltasi il 17 aprile 2019. La somma servirà alla co-fondatrice di Work Wide Women per supportare lo sviluppo della tecnologia dell’azienda. Come ha spiegato la stessa Serra in un articolo apparso sulla MIT Technology Review, "essere riconosciuti da una grande azienda come Enel è molto importante per noi e lo apprezziamo molto. Inoltre, il contributo economico è di grande aiuto per un'azienda come la nostra che investe ogni giorno in nuove idee e soluzioni, e questo è molto costoso".

La sfida lanciata da Enel Women in Tech nasce dalla volontà del nostro Gruppo di ridurre il gender gap nelle tecnologie energetiche. Lo stiamo facendo individuando le migliori imprenditrici emergenti e offrendo loro un'occasione unica per potenziare e sviluppare le loro soluzioni a livello globale. Un’iniziativa pienamente in linea con il nostro impegno a raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite in materia di parità di genere, energia pulita e a prezzi accessibili, innovazione nelle tecnologie e infrastrutture energetiche e azioni di contrasto al cambiamento climatico.

Open Innovability

Prendi parte al cambiamento