Innovazione a Tel Aviv, tra sfide al femminile e bootcamp

Pubblicato il sabato, 30 settembre 2017

Innovazione in continuo movimento all'Enel Innovation Hub di Tel Aviv, la Silicon Valley del Medio Oriente. Sono stati molti gli appuntamenti che hanno animato la nostra sede nella capitale economica di Israele in settembre, sia a valle di eventi come il DLD Innovation Festival, tra le principali conferenze internazionali sulle tecnologie digitali all'avanguardia (che ha visto anche il contributo di Giuseppe Serrecchia, Head of Digital Transformation di Enel), sia nell'ambito delle attività di accelerazione e networking che contraddistinguono i nostri hub di innovazione nel mondo.

Nei primi giorni di settembre una delegazione italiana tutta al femminile è stata nostra ospite nell'ambito del programma di accelerazione QVC Next Lab, un progetto guidato da Ambrosetti e QVC per sostenere le giovani imprese “in rosa” attraverso percorsi di incubazione e formazione dedicate alle startup più innovative. Alle giovani imprenditrici abbiamo presentato il nostro lavoro in Israele e l'approccio aperto con cui vogliamo affrontare le sfide del settore energetico attraverso il confronto con le giovani imprese. L'incontro è servito a condividere le conoscenze che abbiamo acquisito rispetto all'ecosistema tecnologico israeliano, cercando di far emergere le differenze con quello italiano in termini di mentalità, apertura all'innovazione, culture di lavoro, sfide e mercati. Al centro degli incontri anche il modo in cui le donne possono influenzare l'industria e le difficoltà che incontrano in settori tipicamente maschili, come quelli ad alta tecnologia. Non è mancato infine l'incontro con una venture capitalist come Sivan Shamri Dahan, donna e investitrice di Qumran Fund, fondatrice di Women Founders Forum, una piattaforma per il mentoring e il sostegno delle startup guidate da donne.

Anche Unindustria è stata ospite del nostro Hub, in una giornata in cui più di 20 aziende italiane hanno approfondito le modalità con cui Enel collabora con le startup locali, toccando con mano le opportunità offerte dall’ecosistema innovativo israeliano.

Più focalizzato sui temi “core” del nostro Gruppo il bootcamp che, nella seconda settimana di settembre, ha messo in contatto sette manager della business line Infrastrutture e Reti con 20 startup israeliane specializzate in soluzioni innovative nei settori Internet of Things, Predictive analytics, Augmented Reality, Energy Management, Robotics e Drones. Obiettivo, come sempre, valutare opportunità di collaborazioni per l'applicazione di queste innovazioni nelle tecnologie delle reti di distribuzione dell'elettricità. 

Open Innovability

Prendi parte al cambiamento