Iot ed energia in cerca delle migliori startup con H-Farm

Published on venerdì, 3 marzo 2017

Secondo le più autorevoli agenzie di analisi nel campo dell’Information Technology, l’Internet of Thing è destinato a entrare nella vita quotidiana, modificando e trasformando stili di vita e processi produttivi. Le più recenti statistiche di Gartner rilevano che già alla fine del 2016 si potevano contare, a livello globale, circa 6,5 miliardi di oggetti connessi, il 30% in più rispetto al 2015. Le previsioni al 2020 indicano che si arriverà a 20,8 miliardi di smart thing.

Alla base di questa crescita esplosiva, la flessibilità di applicazione dell’IoT ai più diversi settori, dall’intrattenimento all’Health & Care, dalla sicurezza all’industria dell’automotive.

Enel, attraverso partner industriali nell’IT e startup innovative, è già da tempo impegnata nell’utilizzo e nella ricerca di soluzioni IoT applicabili nell’industria dell’energia, come la domotica per la smart home, realtà aumentata per attività di manutenzione degli impianti, sensori per le reti di distribuzione, simulatori 3D per l’addestramento del personale. Con l’obiettivo di fare scouting tra le migliori imprese innovative del settore, siamo partner di IoT Acceleretor promosso da H-Farm, l’acceleratore d’impresa dedicato alle giovani aziende digitali e ad alta tecnologia, fondato nel 2005 tra Treviso e Venezia.

Il programma, che vede come main sponsor Deutch Bank, punta a sostenere e semplificare l’ingresso nel mercato delle startup specializzate in tecnologie IoT, creando un ecosistema win-win dove chi sviluppa prodotti o servizi innovativi è messo in contatto con le grandi corporate per ottenere mentorship e una maggior visibilità sul mercato.

A dicembre scorso H-Farm ha selezionato, tra 150 candidature pervenute da oltre 30 Paesicinque startup che hanno già testato il loro progetto sul mercato e che ora hanno la possibilità di consolidarne la crescita confrontandosi con i partner industriali dell’iniziativa.

Enel ha scelto di incontrare quattro delle cinque startup selezionate, in occasione del Demo Day organizzato il 3 marzo a Roncade (provincia di Treviso) nel verde della Tenuta di Ca’ Tron, sede di H-Farm. Il nostro obiettivo è conoscere nel dettaglio i prodotti sviluppati e approfondire le possibilità di applicazione e replicabilità rispetto alle esigenze specifiche del nostro business.

In questo contesto, le quattro startup presentano le soluzioni che hanno sviluppato applicate a specifici casi ai manager di alcune delle nostre unità e funzioni di business (oltre a Innovation, Global ICT e Mercato Italia).

Le quattro startup protagoniste della giornata  sono Sensefinity, che presenta Sensorice, un sensore per il  monitoraggio della catena del freddo, per evitare lo spreco di cibo o di medicinali; Agroop con un’app multi-device che aiuta gli agricoltori a calcolare in modo intuitivo i costi reali di produzione,

Zenodys che ha sviluppato una piattaforma per permette alle aziende di gestire in autonomia e facilmente diverse soluzioni IoT. E infine LEAPIN Digital Keys, che ha realizzato un kit digitale per serrature “intelligenti” grazie al quale, attraverso un software, tutti gli autorizzati possono aprire una serratura utilizzando il proprio smartphone.

Il Demo Day del 3 marzo è stato preceduto, nella serata del 2 marzo, da un evento di networking con i diversi partner, industriali e startupper, di H-Farm.

Open Innovability

Prendi parte al cambiamento