10 innovatori under 35 premiati dal Mit technology review

Pubblicato il giovedì, 19 maggio 2016

Ricercatori e imprenditori under 35 meritevoli di aver sviluppato idee e progetti di ricerca innovativi: sono questi i protagonisti del Premio Giovani Innovatori TR35, istituito dall’edizione italiana del MIT Technology Review e dal Forum Ricerca Innovazione Imprenditorialità, la cui sesta edizione si è tenuta a Bologna il 9 e 10 maggio scorsi, nella cornice della Bologna Business School.

L’Italia è stata il primo Paese, dopo gli Stati Uniti, a fare propria questa iniziativa che oggi coinvolge dodici Paesi in tutto il mondo, e che quest’anno ha premiato dieci giovani innovatori provenienti dal mondo dell’imprenditorialità e della ricerca. Tanti i settori presi in esame: si spazia dalla biotecnologia all’hardware, dall’energia alla mobilità, fino alla comunicazione digitale e al Web. A sponsorizzare l’evento anche Enel, che ha voluto confermare il proprio sostegno all’innovazione e ai giovani più promettenti del Bel Paese.

La tavola rotonda intitolata Strategic Technology Trends and Business Challenges ha aperto le due giornate, vedendo l’intervento, tra gli altri, dell’ex premier Romano Prodi,  Presidente del Comitato Scientifico di MIT Technology Review Italia, che ha inoltre conferito il Mit Technology Review Under 35 Iran a due ricercatori iraniani che lavorano in Italia: Amin Boroomand e Sogol Sheydaei.

La cerimonia di premiazione dei 10 Innovatori Under 35 si è svolta il giorno seguente, al termine di una giornata in cui i premiati hanno avuto l’opportunità di salire sul palco per un breve pitch col quale presentare il proprio progetto innovativo. A ricevere il riconoscimento anche Andrea Carcano, CEO di Nozomi Networks, premiato, inoltre, con un invito esclusivo al MIT per conoscere esperti di grande rilievo. 
Nozomi è un’azienda che si occupa di sicurezza informatica, nello specifico dei sistemi industriali SCADA (Supervisory Control And Data Acquisition). Tenere al sicuro da attacchi informatici potenzialmente disastrosi grandi impianti come centrali nucleari è la sua missione. Anni di ricerche hanno portato allo sviluppo di un’architettura in grado di monitorare, minuto per minuto, il comportamento dei diversi reparti degli impianti: Nozomi Industrial Global Critical State Guardian.

Oggi Nozomi collabora con Enel per sviluppare insieme funzioni in grado di mettere in sicurezza le comunicazioni degli impianti di produzione di energia: un connubio nato con il bando INCENSe, il programma di accelerazione con cui Enel  sostiene e promuove idee innovative nel settore dell’energia. Inoltre, Nozomi ha recentemente siglato un accordo anche con Fortinet, una delle principali società attive nel campo della cyber security, per lo sviluppo di nuove soluzioni dedicate alla protezione delle reti industriali.

Open Innovability

Prendi parte al cambiamento