Vehicle to grid: Enel e Nissan rivoluzionano l'auto elettrica

Pubblicato il martedì, 2 febbraio 2016

Un accordo che segna un cambiamento nel mondo delle tecnologie al servizio della mobilità sostenibile: è quello stilato tra Enel, multinazionale elettrica e seconda utility europea per capacità installata, e Nissan, produttore dell’auto elettrica più venduta al mondo, LEAF. Presentato a Parigi lo scorso dicembre in occasione di COP21 – la Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico – il progetto sviluppato dalle due aziende riguarda un sistema Vehicle-To-Grid (V2G) in grado di rivoluzionare il mondo delle auto elettriche. Grazie a questo sistema, infatti, le e-car potranno lavorare come vere e proprie “centrali mobili”, in grado di accumulare e rimettere in rete l’energia non utilizzata. Un meccanismo conveniente per i proprietari di Nissan LEAF, che potranno ricaricare la batteria nelle fasce orarie in cui le tariffe e la domanda di energia sono più basse, per poi usare l’elettricità accumulata o rivenderla alla rete durante le fasce orarie a tariffa più elevata. Il tutto grazie alle nuove tecnologie per la gestione bidirezionale della carica, disponibile nelle colonnine di ricarica ma anche a bordo.

Una vera e propria rivoluzione che permetterà la piena integrazione delle automobili elettriche nella rete elettrica nazionale, rendendole in grado di accumulare eventuale energia prodotta in eccesso e di gestire meglio quella prodotta da fonti rinnovabili. Il sistema, quindi, influenzerà in modo decisivo i sistemi energetici non limitandosi a cambiare (e a innovare) la mobilità sostenibile.

L’innovazione proposta da Enel e Nissan nasce in un momento in cui i veicoli elettrici cominciano a conoscere una certa fortuna e il cui mercato è destinato a crescere a grande velocità nei prossimi anni. È quanto emerge da un report pubblicato dalla società di analisi IDTechEx Research, secondo cui nel decennio 2016-2026 la crescita della diffusione delle auto green genererà un mercato da 500 miliardi di dollari. A fare la differenza sarà l’adozione di veicoli elettrici anche in rami quali l’agricoltura, i trasporti pubblici e il settore industriale.

Ma guardando al presente, il sistema Vehicle-to-Grid di ENEL e Nissan è già in sperimentazione e porterà le prime auto grid-integrated in Danimarca, Olanda e Germania, paesi il cui assetto regolamentare è al momento più favorevole. Successivamente verrà testato anche in altre zone in Nord Europa.

“Per noi oggi un’automobile è una batteria con le ruote” ha dichiarato in merito Ernesto Ciorra, direttore Innovazione e Sostenibilità di Enel, che ha aggiunto: “Il sistema V2G è un’innovazione che può migliorare la nostra vita e rendere il mondo un luogo migliore per le popolazioni presenti e le generazioni future. Ciò è coerente con la visione di Enel sull’innovazione, per creare migliori condizioni climatiche nel mondo in cui viviamo”. Uguale entusiasmo da parte di Nissan Europe: “La nostra partnership pioneristica con Enel è l’incarnazione perfetta della nostra visione, che mira a trasformare l’auto da semplice mezzo di trasporto a vettore per l’alimentazione energetica di case e uffici” queste le parole di Paul Willcox, presidente di Nissan Europe. “In questo modo i veicoli elettrici diventano a pieno titolo parte integrante delle reti elettriche nazionali di tutta Europa”.

Open Innovability

Prendi parte al cambiamento