Un nido sull'acqua è la casa del futuro

Pubblicato il martedì, 5 gennaio 2016

Eco-friendly, essenziale e dal design futuristico: è WaterNest 100, l’unità residenziale galleggiante progettata dall’architetto italiano Giancarlo Zema per l’azienda inglese EcoFloLife.

Un progetto che mette al centro il rispetto per la natura – con cui vivere in armonia – il risparmio energetico, che fa della casa un nucleo autonomo e indipendente, e il design che si propone come soluzione alternativa per il futuro, facendo poggiare le abitazioni non più sul terreno ma sull’acqua.

Ideato per avere un basso impatto ambientale, l’involucro progettato da Zema ha una pianta circolare da cento metri quadri, un diametro di dodici metri e un’altezza di quattro. Un “ovetto” fatto per galleggiare in ambienti acquatici come fiumi, baie, laghi e zone di mare dalle acque calme: una soluzione che ridurrebbe il consumo di suolo e ne frenerebbe l’inquinamento. L’abitazione è composta da una struttura costruita in legno lamellare, protetta da un guscio in alluminio: entrambi i materiali utilizzati sono rigorosamente riciclati e riciclabili. WaterNest è inoltre progettata per essere indipendente dal punto di vista energetico: i 60mq di pannelli fotovoltaici in silicio amorfo installati sul tetto, infatti, sono in grado di generare 4kWp per il fabbisogno della casa. Un sofisticato sistema di micro-ventilazione naturale combinato con aria condizionata, inoltre, la rende un vero e proprio habitat residenziale a basso consumo. Anche gli interni sono pensati per seguire una filosofia eco-friendly: gli arredi – il cui design è ancora una volta di Zema – sono costruiti dalla Origami Furniture in materiali riciclabili e riciclati come il cartone alveolare. Nessun dettaglio è lasciato al caso, e nel complesso l’intera struttura può vantare di essere riciclabile al 98%. Oltre agli arredi sofisticati ma green, le stanze principali possono godere di una vista suggestiva sull’ambiente naturale circostante grazie alle ampie vetrate dei balconi, mentre i servizi sono illuminati da lucernari posti sul tetto.

Aspetto interessante dell’abitazione ecologica di Giancarlo Zema è la possibilità di adattare i suoi cento metri quadri in diverse configurazioni di spazio: oltre all’unità residenziale dotata di due camere, due bagni, una cucina e un soggiorno – modulabili a seconda delle proprie esigenze – WaterNest si presta per essere un ufficio, un negozio o un lounge bar. L’idea è quella di poter creare in futuro dei piccoli villaggi galleggianti, rigorosamente a basso impatto ambientale, ideali per chi desidera vivere «in modo indipendente e in piena armonia con la natura», come suggerisce Zema.

Open Innovability

Prendi parte al cambiamento